Intervista dalla LFCC con transcript in italiano

Ecco finalmente una delle due interviste fatte a Thomas durante la Convention di Londra. Di seguito il transcript in italiano😉

Intervistatore:  Eccoci qui alla London Film and Comic Con. Sei contento di essere qui?

Thomas: Sì. Sono felicissimo di essere qui. Sono fan anche degli altri attori presenti e quindi sono contento di incontrarli ed è sempre divertente parlare con persone appassionate di queste cose.

Intervistatore: Hai avuto tante esperienze di eventi di questo tipo?

Thomas: Ho avuto molte esperienze. Sono stato per 3 volte alla Comic-Con in California per promuovere le altre serie TV ed è un po’ diverso perchè passi tutto il tempo a fare interviste e ne ho fatte un paio di queste. Ma questa probabilmente è la più grande che abbia fatto che ti mette in relazione con il pubblico in modo diretto. Ed è bellissimo.

Intervistatore: Hai incontrato i fans? Qualcuno strano o simpatico?

Thomas: Sì, i più memorabili sono quelli che vedo ripetutamente. Già oggi, alla serata di anteprima, ci sono stati 6 su 10 ragazzi che ho subito riconosciuto e che mi seguono in ogni cosa che ho fatto. In un certo senso è bello perchè posso parlare con loro di tante cose e non è semplicemente il primo incontro. Sì, ma ci sono sempre cose divertenti e di solito sono le foto che mi portano per autografare. Alcune sono di quando avevo 5 anni e di progetti che non ricordo davvero e che non so come abbiano fatto ad ottenerle. Direi che è quello.

Intervistatore: Tipo foto di famiglia.

Thomas: Sì, probabilmente alcuni hanno fatto irruzione a casa e hanno preso quelle foto.

Intervistatore: Cosa ti chiedono maggiormente i fans? C’è una domanda che ti fanno più dell’altra?

Thomas: Adesso i progetti futuri più che altro. Prima su “The Secret Circle”, la serie che ho appena finito e mi chiedono sempre di “Terminator: The Sarah Connor Chronicles”. E ora è interessante perchè è un 50 e un 50 con “The Secret Circle”  e con “Star Trek”. Perchè  è a Londra che ho trovato più persone che conoscono i miei film, i miei vecchi films rispetto agli americani.

Intervistatore: Come “Kaboom” di Gregg Araki.

Thomas: Sì sì. Sembra che la gente qui sappia di questo film che invece in America fa paura.

Intervistatore: A proposito di “Terminator: The Sarah Connor Chronicles” che è stato un grande successo, è stato amato dalla gente per tanto tempo. Cosa ne pensi? Cioè, perchè continua ad attirare questo tipo di storia, questo mondo?

Thomas: Ci sono diverse ragioni e le stesse per cui sono attirato io e sono orgoglioso di questa serie e di questa trama. Siamo tutti spaventati dal futuro, dal passare del tempo, dalla morte. E penso che siamo sempre alla ricerca di questi messaggeri, di queste figure che emergono e in TSCC il fatto che fosse uno di noi penso che fosse interessante con John e con Sarah lo era, sai, penso che il suo personaggio era affascinante e lo sarà sempre. Cioè, sono sicuro che ci saranno altre avventure su Terminator ad un certo punto e mi piacerebbe farne parte di nuovo.

Thomas: Oh sì. Io ero terrificato quando abbiamo iniziato, avevo solo 19 anni e sono sempre stato un fan dei films e in TSCC ho creduto che fosse un’opportunità e quando andava in onda ero preoccupato della mia performance ma fortunatamente alla fine la maggior parte della gente è rimasta contenta del mio John. Quindi questa è la cosa migliore che è emersa dalla serie, per me.

Intervistatore: Hai avuto delle magnifiche compagne di cast.

Thomas: Sì, oh Dio, Summer Glau, Lena Hadley. Fortunatamente siamo molto amici e la stessa cosa è con il cast di “The Secret Circle”. E’ la cosa più bella per un cast di 6 ragazzi e che si vogliono bene anche se sono lontani da casa. Ho davvero guadagnato le migliori amicizie con persone fantastiche.

Intervistatore: Cosa ti ha affascinato di “Kaboom”?

Thomas: In generale, mi piace il rischio, mi piace qualsiasi sfida, mi piace qualsiasi cosa che sia l’opposto di quella che ho interpretato prima. Sai, ma in particolare con questo film, sono sempre stato un fan di Gregg per molto tempo, da quando avevo 16-17 anni e dopo aver finito TSCC da due anni e “Nightmare on Elm Street”, stavo davvero cercando qualcosa di piccolo, strano e unico ed è arrivato con un tempismo perfetto. E quando ho letto il ruolo ho pensato che fosse iconoclastico da interpretare e ho amato da subito il film.

Intervistatore: Un’altra serie in cui sei stato coinvolto e che ha appassionato i fans è “The Secret Circle”. Com’è stato interpretare Adam e ovviamente in maniera triste non avere molto più di questa serie. Ma la gente di tutto il mondo aveva risposto bene alla serie.

Thomas: Penso che il motivo per cui ero eccitato da questa serie fosse l’idea affascinante di queste sei streghe giovani, sai, emarginati nella loro piccola città. Quindi era l’idea affascinante e penso che molti personaggi fossero amati. Sai, anche la gente con cui ho parlato stasera, erano fan di specifici personaggi con cui erano in connessione. Sai, con Adam è stato difficile perchè le altre storie sono state pressanti nella prima stagione e ho parlato con gli scrittori e questo era uno dei personaggi che sarebbe dovuto emergere nella seconda stagione. Quindi per me è stato come: “Oh Dio, vorrei portarlo dove hanno in mente di farlo andare” ma non era tempo nella prima stagione e ora devo solo immaginare nella mia mente la 2° dove Adam è cattivo e fantastico.

Intervistatore: Hai detto cattivo, quindi nella tua mente cosa sarebbe successo?

Thomas: Non penso necessariamente che avrei amato diventare cattivo perchè è divertente interpretarlo ma avrei voluto portarlo in un sentiero oscuro perchè per la maggior parte della serie, all’inizio, era un bravo ragazzo che si prendeva cura di tutti, il che è grandioso ma è più divertente quando hai il tempo di portarlo in un’altra direzione.

Intervistatore: Prima di lasciarci: i tuoi prossimi progetti?

Thomas: Ho appena finito 2 films, proprio dopo TSC, uno si chiama “Snap” e l’altro “Squatters” e sono molto contento di questo che uscirà il prossimo anno. E c’è un altro, intitolato “The Good Lie”, che ho girato prima del pilot di TSC e che sarà al Festival di Toronto quest’anno. E girerò un altro film in Agosto ma non ne parlo ancora. Perchè è un grande film.

Intervistatore: E’ “Hunger Games”?

Thomas: No, non è “Hunger Games”.

Intervistatore: Lo pensano tutti.

Thomas: Sì, lo so. Continuo a ricevere tweet se sono nel cast di questo successo. Non lo so, vorrei.

Intervistatore: Ultima domanda: vuoi dire qualcosa ai tuoi fans di tutto il mondo?

Thomas: Qualcosa di collegato?

Intervistatore: No no, in generale.

Thomas: Voi siete tutti pazzi. Tutti coloro che mi supportano penso che siano matti, perchè io sono matto e siamo fuori di testa insieme.

Pubblicato il 12/07/2012 su Eventi, Interviste, Snap, Squatters, The Secret Circle. Aggiungi ai preferiti il collegamento . Lascia un commento.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: